FMI: la partecipazione della Fondazioni nelle banche italiane è da ridimensionare.

La partecipazione della Fondazioni nelle banche italiane è da ridimensionare.
Qusto sostanzialmente il monito lanciato dal FMI che, a seguito di uno studio sulle governante bancarie, ha potuto affermare come in Italia gli istituti di credito “hanno ancora molta strada da fare“.
Pur riconoscendo il ruolo fondamentale che le Fondazioni hanno avuto nello sviluppo e nell’ammodernamento dei sistemi bancari, in quanto come azioniste di lungo tempo, hanno conferito stabilità agli assetti di governante degli istituti, oggi l’FMI richiama l’attenzione sulla necessità di uscire orma da un sistema i cui pregi appaiono sorpassati dai limiti e dai vincoli nei quali oggi le Fondazioni blindano il sistema bancario.
Il rischio per le banche di essere esposte a sistemi di concentrazione di interessi e alla influenza della politica, rende condizionata “la composizione delle parti che prendono le decisioni e l’attività delle banche”.
A questa posizione dell’FMI ha reagito l’ACRI, ricordando come non è il sistema bancario italiano ad avere bisogno di moniti, ma forse ci si dovrebbe concentrare sul territorio tedesco dove un istituto tedesco di piccole dimensioni su due non ricadrebbe sotto il controllo della BCE.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NPBLEGAL

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...